Mercoledì 10 Luglio

Mercoledì 10 Luglio

Mercoledì 10 Luglio

ZOOM MAN(IA):

come e perché dovresti
usare (meglio) Zoom

Game Based Learning vs Gamification: didattica o gioco?

game based learning

Game Based Learning vs Gamification: questi sono i nuovi trend e-learning che stanno avendo enorme successo nella formazione accademica e aziendale.

Alla base di queste due metodologie vi è un’attività che da sempre fa parte della vita di tutti noi: il gioco. Giocare è divertente e coinvolgente, ma è anche strategia e ragionamento.

E per questo è lo strumento giusto per un apprendimento efficace.

Le due attività sfruttano tutti i benefici dell’attività ludica e li applicano alla formazione e-learning. Ma quali sono le differenze tra le due metodologie? Scopriamolo insieme.

Ma attenzione non si tratta di qualcosa di completamente nuovo.

Cos’è la Gamification

Prima di approfondire le caratteristiche che distinguono Game Based Learning e Gamification, è necessario definire queste due tendenze dell’e-learning.

Nell’articolo di ElearningDesigners, Jing Ma afferma che

il termine gamification è stato utilizzato per la prima volta nel 2003 da Nick Pelling, un game designer che aveva sviluppato un’interfaccia simile a un gioco per bancomat e distributori automatici

Partiamo quindi proprio dalla definizione di gamification aziendale

La gamification aziendale è l’applicazione di elementi e meccaniche tipiche dei giochi nei programmi di formazione e-learning.

Attraverso l’utilizzo di elementi come punteggi, classifiche, badge, missioni e premi, la gamification mira ad aumentare l’interesse, la partecipazione e la motivazione dei dipendenti durante il processo di apprendimento.

L’obiettivo di questa metodologia è quello di promuovere specifici comportamenti e guidare lo studente in un percorso didattico complesso, attraverso determinate azioni.

Usare dinamiche di gioco in contesti formativi stimola l’apprendimento, rendendo il processo meno noioso e più interattivo.

Come puoi immaginare, i vantaggi della Gamification sono molteplici:

  • Il gioco è parte della natura umana e, in quanto tale, ha il potere di rendere l’apprendimento un processo inconsapevolenaturale e quasi senza sforzo.
  • Il divertimento dell’attività ludica favorisce la memorizzazione di concetti anche molto complessi.
  • Aumenta l’engagement e la motivazione, offre intrattenimento e rende i contenuti formativi più interessanti.
  • Puoi applicarla in diversi contesti, sia scolastici sia lavorativi.
  • Il meccanismo di punti e classifiche creano una competizione positiva tra colleghi.
  • I comportamenti interiorizzati tramite l’attività di gioco vengono attuati automaticamente.
game based learning

Cos’è il Game Based Learning

Il Game Based Learning nasce in realtà in versione analogica, quando flashcard e props venivano utilizzati per rendere l’apprendimento per rendere l’apprendimento più efficace e coinvolgere gli studenti.

Nell’era digitale, carte e giochi tradizionali sono spesso sostituiti da videogiochi, ma lo scopo rimane inalterato.

Si tratta di una strategia didattica che fa uso di un gioco (o videogioco) creato appositamente per insegnare uno specifico contenuto o per raggiungere un determinato obiettivo didattico. In breve, lo studente impara giocando.

Grazie ai progressi in campo tecnologico, è possibile costruire ambientazioni e scenari di gioco che difficilmente si possono ricreare nella realtà e che sono pensati su misura per lo studente e il suo bisogno formativo.

Tra i principali vantaggi abbiamo:

  • L’utilizzo di ambienti di gioco simulati consente il superamento di bias cognitivi da parte del giocatore, che non alza le tipiche barriere difensive usate sul luogo di lavoro.
  • Rafforza la cooperazione e crea un ambiente lavorativo più disteso, sviluppando l’empatia tra colleghi.
  • Incentiva la proattività e la responsabilità del giocatore in quanto protagonista e artefice del suo stesso percorso formativo.
  •  É possibile presentare situazioni particolari, che difficilmente accadono sul luogo di lavoro, e formare i dipendenti a reagire ad eventi extra-ordinari.
  • Le azioni dello studente sono misurabili e osservabili; i dati raccolti possono far emergere problematiche sulle quali è necessario intervenire con azioni mirate.
  • Dall’altro lato, il monitoraggio può portare anche a piacevoli scoperte. Ad esempio, un dipendente può distinguersi per doti inaspettate che normalmente non sarebbero state notate.

Game Based Learning vs Gamification

Nel caso ti fosse rimasto ancora qualche dubbio, eccoti le differenze principali tra i due:

  • La Gamification prevede l’applicazione di dinamiche di gioco, ad esempio la creazione di classifiche e punteggi, ad attività formative già presenti. Il Game Based Learning consiste, invece, nella progettazione di un ambiente di gioco inedito per il raggiungimento di specifici obiettivi formativi.
  • Il fine ultimo di questo approccio è quello di aumentare l’engagement, mentre quello del Game Based Learning è l’apprendimento.
  • Se la ricompensa nel game based learning è spesso tangibile, ad esempio un badge, quella del Game Based Learning è più di tipo esperienziale.
gamification formazione aziendale

Formazione e gamification in azienda: 5 esempi pratici per il tuo elearning

La gamification aziendale, ormai ti è chiaro, può essere un potente strumento per l’apprendimento e lo sviluppo del personale all’interno di un’azienda.

Cerchiamo di capire meglio come sfruttare il potenziale di questo approccio alla formazione aziendale per migliorare l’efficacia dei programmi di formazione,sia tradizionale che online, aumentare la motivazione e l’engagement dei dipendenti e raggiungere risultati tangibili per il vostro business e la crescita aziendale.

Vantaggi della game base learning nella formazione aziendale

La gamification nella formazione aziendale offre numerosi vantaggi per le aziende che desiderano migliorare i propri programmi di apprendimento.

Ecco alcuni dei principali vantaggi:

1. Maggiore coinvolgimento e motivazione

L’approccio ludico rende la formazione più coinvolgente e motivante per i dipendenti.

Gli elementi di gioco come le sfide, i premi e la possibilità di avanzare di livello creano un senso di gratificazione e progressione che stimola la motivazione intrinseca dei partecipanti.

2. Apprendimento esperienziale

Attraverso la gamification, è possibile creare esperienze di apprendimento coinvolgenti e pratiche.

I dipendenti hanno l’opportunità di mettere in pratica le conoscenze acquisite in un contesto simulato o reale, consentendo loro di sviluppare abilità pratiche in modo efficace.

3. Miglior retenzione (ricordo) delle Informazioni

La gamification favorisce una migliore memorizzazione delle informazioni.

Gli elementi di gioco, come i quiz interattivi e le sfide a tempo, aiutano i partecipanti a consolidare le conoscenze acquisite e a ricordarle nel lungo termine.

4. Team building e collaborazione

L’approccio ludico può promuovere il team building e la collaborazione all’interno dell’azienda.

Attraverso la partecipazione a giochi di squadra e competizioni, i dipendenti imparano a lavorare insieme, a comunicare in modo più efficace e a raggiungere obiettivi comuni.

Come implementare il game based learning nel tuo training aziendale

Per implementare con successo questo approccio ludico al tuo elearning, è sempre utile seguire alcuni passaggi chiave.

Ecco una sorta di roadmap per l’implementazione efficace della gamification nei programmi di formazione aziendale:

1. Definire gli obiettivi di apprendimento

Prima di tutto, identificate gli obiettivi specifici che volete raggiungere attraverso la formazione gamification.

Definite quali competenze o conoscenze desiderate sviluppare e stabilite i criteri di valutazione per misurare il successo del programma.

2. Progettare le Attività di Gamification

Una volta definiti gli obiettivi, progettate le attività di ludicizzazione (come si dovrebbe dire in Italiano) che aiuteranno i dipendenti a raggiungerli.

Considerate l’utilizzo di elementi come punteggi, classifiche, badge e sfide interattive. Assicuratevi di creare un ambiente di gioco coinvolgente e stimolante.

3. Scegliere la migliore piattaforma di gamification

Selezionate una piattaforma di gamification adatta alle esigenze della vostra azienda.

Esistono numerose soluzioni software disponibili che offrono funzionalità di gamification personalizzabili, e anche la scelta dell’LMS influenza questo tipo di applicazioni.

Assicuratevi che la piattaforma scelta sia intuitiva, facile da usare e in grado di fornire dati analitici dettagliati sull’andamento del programma di formazione.

4. Creare contenuti coinvolgenti

Sviluppate contenuti di formazione coinvolgenti e di alta qualità.

Utilizzate una combinazione di testi, immagini, video e quiz interattivi per rendere l’apprendimento più interessante e vario.

Adattate i contenuti alle esigenze specifiche dei vostri dipendenti e assicuratevi che siano facilmente accessibili attraverso la piattaforma di gamification scelta.

5. Monitorare e valutare i Risultati

Monitorate costantemente l’andamento del programma di formazione e valutate i risultati raggiunti.

Utilizzate i dati analitici forniti dalla piattaforma per identificare le aree di miglioramento e apportare eventuali modifiche al programma.

Coinvolgete i dipendenti nel processo di valutazione, raccogliendo il loro feedback e le loro opinioni.

Game based learning in azienda: 5 esempi pratici per il tuo elearning

Abbiamo raccolto le idee, studiato un po’ di modellie ti presentiamo 5 esempi immediatamente applicabili di questo approccio innovativo alla formazione aziendale.

Esempio 1: Sfide Interattive a Quiz

Una delle modalità più efficaci per integrare questo approccio formativo nella formazione aziendale è l’utilizzo di sfide interattive a quiz.

Durante il percorso di apprendimento, i dipendenti possono affrontare quiz a risposta multipla o aperta, dove accumulano punti per ogni risposta corretta.

Ogni quiz superato con successo permette loro di avanzare di livello, guadagnare badge e ottenere riconoscimenti per le loro competenze acquisite.

Esempio 2: Missioni e Obiettivi

Le missioni e gli obiettivi sono un’altra componente chiave della gamification aziendale.

Puoi creare missioni che i dipendenti devono completare, ad esempio risolvendo casi di studio, partecipando a simulazioni o completando attività specifiche.

L’assegnazione di punti, livelli e premi per il completamento delle missioni motiva i dipendenti a impegnarsi attivamente nell’apprendimento e a raggiungere gli obiettivi prestabiliti.

Esempio 3: Competizioni e Classifiche

Le competizioni e le classifiche sono strumenti potenti per stimolare l’engagement e la partecipazione attiva dei dipendenti.

Puoi organizzare sfide a squadre o individuali, dove i partecipanti accumulano punti e scalano la classifica in base alle loro performance.

Le competizioni possono essere accompagnate da premi o riconoscimenti speciali per incentivare ulteriormente la partecipazione e promuovere un clima di sana competizione.

Esempio 4: Avanzamenti e Sbloccaggio di Contenuti

Utilizza il concetto di avanzamenti e sbloccaggio di contenuti per motivare i dipendenti a continuare il percorso di formazione.

Puoi organizzare il materiale didattico in moduli o livelli, in cui ogni modulo successivo è accessibile solo dopo aver completato quello precedente.

Questo approccio crea una progressione graduale nell’apprendimento e alimenta il desiderio di scoprire nuovi contenuti e raggiungere nuovi traguardi.

Esempio 5: Ricompense e Badge

Le ricompense e i badge sono un elemento di motivazione fondamentale in questo approccio alla formazione aziendale.

Puoi assegnare badge ai dipendenti per il completamento di moduli, il raggiungimento di obiettivi o la partecipazione attiva nel percorso di formazione.

Questi distintivi virtuali rappresentano un riconoscimento tangibile delle competenze acquisite e possono essere condivisi sui profili personali dei dipendenti o all’interno di una piattaforma dedicata.

Quale learning model scegliere?

La domanda che sorge spontanea è: quale dei due learning model scegliere per la tua realtà lavorativa? Innanzitutto, devi sapere che è possibile usare i due strumenti contemporaneamente.

La prima cosa da sottolineare è che un approccio come il Game Based Learning è molto più costoso rispetto alla Gamification, in quanto richiede la progettazione di contenuti multimediali di gioco pensati ad hoc.

Dopodiché, pensa ai tuoi obiettivi. Se il tuo scopo è quello di sviluppare le capacità di problem solving dei tuoi dipendenti, allora il Game Based Learning è la soluzione migliore. Questo permette di svolgere un vero e proprio role playing in cui inscenare una certa situazione, facendo sì che le persone si immedesimino in essa. 

Il role playing infatti non è altro che un gioco di ruoli a scopi didattici, che mette le persone nelle condizioni di sperimentare il loro comportamento in una situazione fittizia. In questo modo, saranno preparate se in futuro dovesse presentarsi quella situazione nella vita lavorativa.

Se invece il tuo scopo è l’apprendimento di un determinato comportamento, dovrai scegliere la Gamification e il suo sistema di assegnazione di ricompense.

Un altro elemento da prendere in considerazione è sicuramente il target. Che età hanno gli utenti? Quali sono i loro obiettivi e bisogni formativi? Qual è il loro background lavorativo e culturale? Questi sono tutti elementi di cui tener conto al momento della scelta.

Le casistiche sono pressoché infinite, ma conoscere la differenza tra Game Based Learning e Gamification sicuramente ti aiuterà a scegliere l’approccio più adatto alla tua realtà lavorativa.

Scopri il nostro metodo e non esitare a contattarci nel caso tu voglia portare la Gamification nella tua formazione online.

Questo articolo è stato scritto da:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *