Public Speaking: le regole d’oro per il successo

public speaking

Il termine Public Speaking, letteralmente, significa una cosa semplice:

Public Speaking = parlare in pubblico

L’esigenza di parlare di fronte ad altre persone, di condividere le proprie idee e di convincere i nostri interlocutori è maturata nell’Antica Grecia. All’epoca, infatti, le persone si riunivano nell’Agorà per discutere delle tematiche più varie, incominciando a stabilire le prime regole sul come parlare in pubblico. 

L’arte del Public Speaking, oggi, si è ovviamente evoluta e rappresenta una delle competenze professionali e personali fondamentali per far evolvere i propri progetti e crescere come professionista. Con l’avvento della Pandemia poi, saper fare presentazioni online in modo efficace è diventata una soft skills essenziale. 

Ma cosa significa nel concreto “essere capaci di parlare in pubblico”?

Come si declina il termina Public Speaking e quali differenti approcci possono esserci a questa splendida arte?

Questo articolo vuole rispondere proprio a tutte le tue domande sul Public Speaking e sulla tua capacità di stare davanti a un pubblico, comunicando efficacemente e sviluppando una Body Language online efficace. 

Public Speaking: cos’è

Come punto di partenza per sviscerare questo argomento abbastanza ampio, cerchiamo di capire il Public Speaking cos’è nello specifico.

Come abbiamo detto, parlare in pubblico rappresenta una competenza molto importante nel mondo del lavoro. Richiede un’insieme di conoscenze, abilità, approcci e atteggiamenti che hanno a che fare con la capacità di parlare davanti ad altre persone in modo fluente, convincente e professionale.

Alcuni definiscono il Public Speaking come un atteggiamento efficace. Ma cosa si intende con “atteggiamento” ?

In psicologia, l’atteggiamento è un insieme di tre elementi ben definiti: 

  1. Comportamento
  2. Aspetto Cognitivo
  3. Aspetto emotivo e relazionale

Analizziamoli singolarmente. 

Comportamento

Parlare in pubblico in modo efficace significa comportarsi in un certo modo: gestire lo spazio, il corpo, i movimenti, la distanza con l’audience, il proprio linguaggio non verbale, quello dei partecipanti, i feedback. Insomma, le cose da tenere sotto controllo sono molteplici e questi sono solo alcuni esempi dei comportamenti pratici che vengono insegnati nei corsi di Public Speaking.

Per parlare in pubblico, vengono insegnati comportamenti da evitare di fronte a un pubblico,  ma anche trucchi del mestiere per gestire i partecipanti in qualsiasi tipo di presentazione.

Le regole sono piuttosto chiare e con un po’ di applicazione ed esercizio, diventa piuttosto semplice modificare le tue abitudini per acquisirne di nuove.

Possiamo quindi concludere che la parte comportamentale è la più semplice da imparare: sai cosa devi e non devi fare e il gioco è fatto! Più semplice di così!

Aspetto cognitivo

La dimensione cognitiva del parlare in pubblico riguarda alcuni aspetti cruciali di ogni presentazione:

  • Cosa dici
  • Quali informazioni devono passare
  • Come vengono processate le informazioni nella testa della tua audience
  • Come il relatore struttura tali informazioni
  • Come vengono ricordati i contenuti
  • Come viene gestita l’attenzione durante la presentazione

Analizziamo questi aspetti partendo dall’inizio, che rappresenta il punto di avvio e di arrivo dell’intero discorso.

Immagina una presentazione in pubblico di un’ora.

In veste di relatore/relatrice, la tua sfida è conquistare l’attenzione del tuo pubblico, mantenerla costante nel tempo e farle fare un picco nel momento in cui devi comunicare l’informazione più importante (una call to action, una vendita, un’offerta, ad esempio).

Devi sapere che l’attenzione segue dei processi fisiologici, dovuti ad alcuni meccanismi del nostro sistema nervoso.

L’obiettivo del relatore è quindi quello di saper gestire tali reazioni, offrendo degli stimoli costanti, in grado di emozionare, risvegliare, animare l’attenzione di ogni singolo partecipante.

Per farlo devi usare tecniche specifiche, come l’utilizzo degli hook. Cos’è un Hook? Sono una tattica di apertura di una presentazione volta a catturare immediatamente l’attenzione dell’audience, che sarà da subito interessata a quel che stai dicendo. 

Se vuoi approfondire questo tema, ti consiglio la lettura di questi articoli sul nostro blog:

Proseguendo con il nostro discorso sull’aspetto cognitivo, analizziamo ora la probabilità che le persone si ricordino di te, ma soprattutto di quello che hai detto. 

Per fare ciò devi tenere in mente un principio: più i contenuti sono ben organizzati e strategicamente presentati, più si alza la probabilità che vengano compresi correttamente e vengano ricordati.

Lo stesso vale per il relatore: se organizzi la tua presentazione in modo strategico, per te sarà molto più semplice ricordare e presentare efficacemente i tuoi contenuti.

Abbiamo approfondito questo aspetto in un post sul nostro blog che ti invitiamo a leggere: Come trovare e strutturare efficacemente le idee.

Aspetto emotivo e relazionale

La dimensione più importante del Public Speaking è la capacità del relatore di emozionare, nel senso letterale del termine: “muovere verso” qualcosa, smuovere lo stato emotivo delle persone dal loro stato attuale a uno stato più in linea con gli obiettivi della presentazione. 

La componente emozionale è composta da picchi positivi che prevalgono rispetto a quelli negativi.

Mi spiego meglio: su 10 emozioni, 8 devono essere positive e 2 negative, giusto per intenderci sulle proporzioni.

Quelle positive devono essere entusiasmo, motivazione, gioia, divertimento, voglia di cambiamento; mentre quelle negative possono essere la paura (ad esempio di rimanere nello stato attuale) o il dolore di perdere un’opportunità.

La dimensione relazionale si concentra sulla relazione che instauri con il tuo pubblico: a seconda della tipologia di presentazione, potresti lavorare su come il tuo pubblico ti percepisce, sul ruolo che vuoi assumere per loro e sul modo in cui loro interagiscono con te.

In alcune presentazioni puoi giocare il ruolo del maestro, in altre dell’esperto, in altre ancora il ruolo del mentore.

Questo tipo di relazione determina il legame, più o meno intenso, che costruisci con le persone che assistono alla tua presentazione.

L’importanza del saper parlare in pubblico

Se hai ben capito cos’è il Public Speaking, capirai anche quante cose può fare per te.

Infatti, chi sa presentare efficacemente le proprie idee, ha, evidentemente, una marcia in più.

Saper parlare in pubblico significa:

  • Farti capire prima e meglio, riducendo il rischio di incomprensioni
  • Lasciare un’impressione positiva nei tuoi interlocutori
  • Smuoverli e far fare loro quello che tu ritieni utile o importante
  • Determinare e costruire una relazione proficua per entrambi
  • Rendere più efficiente il tempo per prendere una decisione (ad esempio nelle riunioni)

Capisci che dal punto di vista professionale, saper presentare in modo efficace significa aumentare le probabilità di successo e di determinare la direzione delle decisioni.

La paura di parlare in pubblico

A chi non è capitato di avere ansia prima di una presentazione specialmente se questa era particolarmente importante? 

Beh, diversa dall’ansia pre-presentazione è la paura di parlare in pubblico, in termine tecnico, la Glossofobia

Ogni persona può manifestare la paura di parlare in pubblico in modo differente ma ci sono dei tratti in comune:

  • Forte ansia non solo negli instanti precedenti il momento della presentazione ma da molto tempo prima, persino fin dal momento in cui si apprendere di dover parlare in pubblico
  • Marcata tendenza ad evitare eventi che possano portare ad essere al centro dell’attenzione (Un semplice esempio potrebbe essere una festa di compleanno)
  • Malessere fisico, che in genere si sviluppa in sintomi quali nausea o panico. 

Insomma, avere paura di parlare in pubblico non è una cosa per niente piacevole e non ne esiste una tipologia sola. Se vuoi approfondire l’argomento ti consiglio di leggere questo articolo sul nostro blog: “Parlare in pubblico: le 10 paure più comuni

Come tutte le paure, anche quella di parlare in pubblico può essere assolutamente superata. Come? 

Studiando per imparare a parlare in pubblico utilizzando dei corsi o altro materiale. 

Leggi il prossimo paragrafo per saperne di più!

Inoltre, ti consiglio l’acquisto del nostro speciale video-corso dedicato al tema: 10 esperimenti non convenzionali per parlare efficacemente in pubblico

Come posso imparare a parlare in pubblico?

Se sei arrivato fino a qui, probabilmente ora vorresti capire: bene, ma come parlare in pubblico? Posso imparare a presentare in pubblico o è una dote naturale?

Prima di tutto devi sapere che non si tratta di una predisposizione del tipo “o ce l’hai o non ce l’hai!”.

Sarai infatti felice di sapere che il Public Speaking si può imparare.

Per imparare a parlare in pubblico in modo efficace puoi prendere tante strade, alcune più strutturate, altre meno consuete.

Ti faccio alcuni esempi per capire come acquisire nuove competenze nel tuo modo di presentare le idee:

  • Studia i libri di Public Speaking
  • Esercitarti davanti a uno specchio con un discorso preparato
  • Guarda i migliori TEDEx disponibili online
  • Partecipa a webinar ed eventi sul tema 
  • Prova ad applicare le tecniche di Public Speaking tra amici e conoscenti

I differenti approcci possibili

La maggior parte dei corsi per parlare in pubblico scelgono uno specifico taglio, una scuola di pensiero e basano tutti gli insegnamenti su quell’approccio.

Ecco alcuni esempi di approcci che potresti incontrare:

  1. Corsi concentrati sulla voce e sulle emozioni
  2. Dizione e corretta gestione della parola
  3. Crescita personale e soft skill (parlare in pubblico come competenza umana da sviluppare)
  4. Persuasione e vendita
  5. PNL e Ipnosi
  6. Storytelling e capacità di costruire coinvolgimento tramite le storie
  7. Slideology e creazione di presentazioni (ad es. con Powerpoint, Prezi o Keynote)
  8. Public Speaking online per il web, i video, i videocorsi

Come vedi ogni approccio ha una specificità e si concentra su determinati chiavi.

Partecipare a un corso per parlare in pubblico significa quindi sposarne il taglio, condividerne l’approccio e in qualche modo immedesimarsi in quello specifico modello.

Gli elementi comuni

Se è vero che ogni corso ha uno specifico approccio, è anche vero che tutti condividono alcuni presupposti e premesse.

La maggior parte dei corsi in aula di Public Speaking toccano alcuni o tutti questi temi:

  • Superamento ansia e pausa di parlare in pubblico
  • Preparazione mentale per presentare in modo efficace
  • Gestione del palco, della scena e degli oggetti di scena
  • Atteggiamento corporeo e voce
  • Gestione dell’attenzione dei partecipanti
  • Costruzione del discorso, della scaletta e della presentazione
  • Gestione delle domande e delle obiezioni

Questi elementi compaiono in tutti i corsi, più o meno.

Perché? Semplice, sono i principali bisogni di chi deve presentare in pubblico.

Le fasi di un corso su come parlare in pubblico

Quando partecipi a un corso per presentare in pubblico, solitamente vengono seguite alcune fasi specifiche.

Prima di tutto si inizia a lavorare sulla componente esperienziale, lavorando sulle esigenze dei partecipanti, le applicazioni nel lavoro quotidiano, i limiti e il potenziale di ognuno dei partecipanti.

Un secondo step piuttosto frequente è la dimensione normativa: le regole del gioco, la grammatica del Public Speaking e le metodologie più diffuse.

Infine, si lavora sull’applicazione individuale, su come ogni partecipante può applicare la grammatica del parlare in pubblico al proprio stile e alle proprie presentazioni online.

Chiaramente con sfumature differenti, anche in relazione ai diversi approcci che abbiamo visto più sopra, questi elementi compaiono quasi sempre e il classico corso di Public Speaking copre questi aspetti con diversi accenti e tecniche.

L’elemento in comune è la pratica, da un lato, e la conoscenza teorica, dall’altra. Devi scegliere tu se fare il salto di qualità per raggiungere l’obiettivo che ti sei prefissato.

Come scegliere un corso di Public speaking: 4 cose da considerare

Scegliere il corso di Public Speaking più adatto alle tue esigenze può essere molto più semplice di quello che pensi.

Oltre ai normali corsi di Public Speaking gratis online c’è una gamma piuttosto consolidata di corsi a pagamento realizzati da professionisti del settore.

A questo punto, come scegliere il corso più adatto alle tue esigenze? Distinguiamo il come dal cosa.

Per il cosa, devi concentrarti sul tuo bisogno, sulle tue esigenze e su quello che rappresenta la carta di identità del tuo corso ideale.

Ecco qualche spunto:

  • Rientri nel loro target? Nella descrizione del corso fanno riferimento a chi hanno in mente pensando al loro partecipante tipo?
  • Descrivono il loro approccio? Riesci a individuare uno o più approcci indicati più sopra? Sono compatibili con le tue esigenze? Senti che possono rispondere pienamente alle tue esigenze?
  • Specificano un programma? Se sì, trovi almeno l’80% di quello che cerchi?
  • Il prezzo del corso rientra nel tuo budget? È una cifra sostenibile? Ha bonus e risorse utili, oltre al corso in aula?

Se non trovi queste informazioni, già puoi porti alcune domande sulla chiarezza dell’offerta.

E qui passiamo al come capire se il corso di Public Speaking che stai scegliendo è adatto alle tue esigenze.

La risposta è semplice e si suddivide in due fasi:

  1. Scrivi su un foglio di cosa hai bisogno, quali problemi vuoi risolvere e che tipo di risultato vuoi portare a casa. Segna con chiarezza quali sono gli elementi imprescindibili e irrinunciabili per te e quelli invece di cui puoi fare a meno.
  2. Telefona o scrivi agli organizzatori e chiedi. Non aver paura o vergogna. Chiedi quello di cui vuoi essere sicuro e cerca la risposta alle tue domande.

Una volta che avrai trovato il corso che si adatta perfettamente alle tue esigenze, non ti resta altro che rimboccarti le maniche e iniziare!

Public Speaking: un approccio differente

Ci sono modi per imparare a parlare in pubblico che prima di passare dalla grammatica (come si dovrebbe fare) e dall’esperienza (cosa fai già quando presenti e cosa devi cambiare), partono da un principio differente.

Puoi valorizzare il tuo personale modo di presentare, rendere uniche le tue presentazioni e adattare la grammatica del Public Speaking al tuo stile personale.

Questo è l’approccio che abbiamo in WebinarPro.

Con oltre 5.000 ore di presentazioni online, abbiamo imparato che ogni presentatore e ogni relatore può ottenere risultati straordinari partendo dal proprio stile, dalla propria storia, dalle proprie esperienze e facendo piccoli cambiamenti che fanno la differenza.

Come dire, non devi ridefinire tutto il tuo modo di presentare, ma puoi fare piccole variazioni che fanno la differenza.

Questo approccio che definiamo non convenzionale è alla base dei nostri corsi e dei nostri Webinar.

La Body Language online 

Dal 2020 ci siamo abituati a partecipare a video call ed eventi online, diventati ormai parte integrate delle nostre routine. 

Per questo, oggi, non basta solo saper parlare in pubblico, ma è necessario anche saper gestire la propria Body Language online. 

Ovviamente, in un incontro online, non abbiamo la possibilità di gestire lo spazio e di muoverci in esso, e anche instaurare un rapporto con il pubblico è più complicato. 

La Body Language online è, assieme alla tua voce, l’unico modo di attirare l’attenzione del tuo pubblico. 

Devi saperti muovere ma nel modo giusto, quindi, non devi né muoverti troppo poco rimanendo immobile nella stessa posizione (L’attenzione in questo si disperde per mancato coinvolgimento) né muoverti troppo tanto (In questo l’attenzione viene dispersa per il “fastidio” causato dal troppo movimento).

Ma come parlare in una presentazione online?

La risposta a questa domanda la puoi trovare comodamente sul nostro sito.

In particolare ti vorrei consigliare di scaricare il nostro e-book gratuito “Public Speaking per eventi e formazione – Affronta la paura di parlare in pubblico“.

Inoltre, se l’argomento ti interessa particolarmente e stai cercando un corso specifico sul Public Speaking online, ti vorrei consigliare la partecipazione al nostro Workshop online “Public Speaking Online: come parlare al tuo pubblico sul web

Se hai dubbi o domande, non esitare a contattare il nostro staff, saremo felici di rispondere a tutte le tue domande!

Informazioni sull'autore